Quantum Molecular Resonance (QMR)
1755
post-template-default,single,single-post,postid-1755,single-format-standard,bridge-core-2.1.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-26.3,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Quantum Molecular Resonance (QMR)

Quantum Molecular Resonance (QMR), è una tecnologia innovativa e unica, sviluppata e brevettata da Telea Medical. QMR nasce da una brillante intuizione dell’Ing. Pozzato che ha già una visione chiara dell’evoluzione della medicina: “Il futuro della medicina sarà la rigenerazione”.

Insieme allo Studio Bonini abbiamo brevettato alcuni dei nostri progetti e la nostra tecnologia, che fino ad oggi non ha i paragoni.

Il principio alla base della QMR Technology è risonanza con i legami cellulari. Grazie al particolare spettro di più frequenze trasferite contemporaneamente, e attraverso la sua peculiare modalità di interazione a livello cellulare, vengono attivate/disattivate delle proprietà dei tessuti biologici.

Una delle ultime ricerche, pubblicata sul prestigioso British Journal of Cancer, presenta gli effetti della QMR su cellule di glioblastoma, la forma più aggressiva di cancro al cervello, caratterizzata da alti tassi di proliferazione e invasività cellulare.
Il paper mostra chiaramente come la QMR abbia rallentato il tasso di proliferazione delle cellule tumorali, inducendo un arresto significativo della progressione del cancro. L’outcome, ancora in fase di studio, pone la tecnologia QMR come metodo promettente per il trattamento del glioblastoma.

Un altro progetto che si pone al vertice della più sofisticata tecnologia in Ingegneria Tissutale è stato sviluppato da Telea Biotech, fiore all’occhiello delle divisioni di Telea Medical.

Grazie alla tecnologia QMR, Telea Biotech è riuscita a rigenerare completamente l’esofago, il palato e altri organi umani.  Questo grazie ad un sistema di microperforazione dei tessuti biologici e ad un bioreattore in grado di colonizzare uno scaffold decellularizzato con cellule autologhe del paziente.
La rigenerazione avviene grazie all’interazione tra cellule e scaffold che, grazie alla sua memoria d’organo, sono in grado di differenziarsi e moltiplicarsi per dare avvio al processo rigenerativo. Dopo 6 mesi dall’impianto si è vista la rigenerazione completa di tutti gli strati dell’organo, e di tutte le sue funzionalità native. Al momento gli studi sono in peer review nelle riviste di tissue engineering ad alto impact factor.

Questi sono solo alcuni dei progetti ai quali sta lavorando Telea Medical e in cui la QMR Technology trova immediata applicazione. Siamo sicuri di poter raggiungere obiettivi ancora più importanti grazie alla nostra Tecnologia, perché come dice Ing. Pozzato: “Noi crediamo nella rigenerazione e che la qualità della vita è un diritto che hanno tutti i pazienti del mondo.”

 

link alla documentazione scientifica 

 

Silvia.B
silvia@salsatomato.it